Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for ottobre 2009

“[…] E poi ancora: «L’ultimo sondaggio che ho qui davanti a me dice che il governo è al 54%, il presidente del Consiglio è al 68% e il Pd, che è tornato Pci con l’elezione di Bersani, è al 25%». […]” (Berlusconi intervenendo a Ballarò in il corrieredellasera.it)

Per poterle prestare fede dovrebbe dire almeno l’azienda che esegue i sondaggi, come è quando è stato fatto, come hanno estratto il campione (per vedere che tipo di generalizzazione è possibile fare dei risultati) ed altre “bazzecole” statistiche e mettere a disposizione su Internet sia il rapporto che le informazioni statistiche e metodologiche che permettono un controllo scientifico sul sondaggio altrimenti è come andare dalla maga di turno.

Read Full Post »

“[…] MILANO – La seconda sezione della Corte d’appello di Milano ha confermato la condanna di primo grado a quattro anni e sei mesi nei confronti dell’avvocato inglese David Mills per corruzione in atti giudiziari. […]” da il corrieredellasera.it

[…] Ma l’affondo iniziale di Berlusconi è stato sui giudici: «L’anomalia italiana non è Silvio Berlusconi, ma sono i pm e i giudici comunisti di Milano che da quando Berlusconi è sceso in politica lo hanno aggredito in tutti i modi. I pm sono la vera opposizione nel nostro Paese».[…]” da il corrieredellasera.it

la risposta: “«Se le nostre toghe sono rosse, lo sono per il sangue versato dai magistrati che hanno pagato con la vita la difesa della legalità e dei valori costituzionali, a cominciare da Falcone e Borsellino». Così il procuratore aggiunto di Milano, Alfredo Robledo” da il corrieredellasera.it

Read Full Post »

a casa!

Chi copre cariche istituzionale oltre ad avere una morale politica deve possederne una personale.

altrimenti non aspiri e copra incarichi istituzionali.

Marrazzo deve dimettersi ed andare alle elezioni, il fatto che Berlusconi non lo faccia non è un motivo valido per non richiedere correttezza istituzionale e personale.

Read Full Post »

“I COMMENTI DEI LETTORI – Se ne sono accorti anche i lettori di Corriere.it, che già pochi minuti dopo la diffusione della notizia del ritardo e delle giustificazioni addotte dagli ambienti vicini a Palazzo Chigi – le prime agenzie sono state battute attorno alle 13 – hanno voluto verificare di persona come stessero le cose. E hanno constatato che a San Pietroburgo e dintorni certamente non splendeva il sole, ma che la situazione non era più drammatica rispetto a quella che si sarebbe potuta avere in un qualunque aeroporto del nord Italia in una qualunque mattina di fine ottobre. Decidendo poi di farlo notare in tempo reale attraverso i commenti a margine dell’articolo sulle tensioni nell’esecutivo. «Di forti nevicate nessuna traccia neanche in Siberia» sottolinea alle 14,58 l’utente che si firma romatrash, citando il sito web wunderground.com. Due minuti più tardi è la volta di uomodireggio che racconta di aver visitato «diversi siti meteo e in nessuno era indicato che oggi vi fossero precipitazioni nevose su San Pietroburgo; la tempesta c’è ma è in Italia, a Roma». E lo stesso a distanza di pochi minuti fanno Tiggo, zarabla, maurieffe (che linka un sito meteo russo), sardolo… Il lettore Cichiamavanobanditi, dopo un riassunto dei dati meteo raccolti nel web («precipitazioni assenti, 5°C, visibilità maggiore di 10 km, 0° sopra i 1.500 metri», prova a buttarla sull’ironia: «Forse nevica sul lettone di Putin». Per veleno1970 «tira aria brusca più a Roma che a San Pietroburgo» e bbbarney ha citato altri dati presi da Yahoo Meteo: «deboli piogge, umidità 93%, visibilità 7 km, vento a zero km». Un controllo sul web lo fanno anche giorei69 e bailamos, tanto per restare ai soli utenti che hanno riportato la notizia sotto l’articolo di Corriere.it. da il corrieredellasera.it

solo dei coglioni possono inventarsi balle del genere

Read Full Post »

«L’obiezione di coscienza è anche un diritto che deve essere riconosciuto ai farmacisti permettendo loro di non collaborare direttamente o indirettamente alla fornitura di prodotti che hanno per scopo scelte chiaramente immorali come l’aborto e l’eutanasia». (segretario generale della Cei, Mons. Mariano Crociata, intervenuto al convegno nazionale dell’Unione cattolica farmacisti italiana dal titolo «L’obiezione di coscienza del farmacista tra diritto e dovere»).

Ma questi signori, farmacisti e medici, quando sono andati all’università sapevano cosa andavano a studiare oppure se qualcuno dice che sezionare cadavere è un male loro allora smettono. C’è gente, uomini e donne, che per portare la medicina e la scienza a livello attuale hanno corso rischi ed alcuni, molti, hanno perso la loro vita sui roghi.

Ci sono molti altri mestieri smettano di fare i farmacisti e i medici.

Al giorno d’oggi […] Il punto non è rispettare lintima convinzione dei politici, ma avere leggi che rispettino la libertà di agire di ciascuno di noi davanti alle decisioni importanti della vita. (Stefano Rodotà in, Eleonora Martini, Politici, liberateci dalla vostra coscienza, Il Manifesto, di Sabato 5 gennaio 2008, p. 7.). E questo deve valere anche per quelle categorie sociali che coprono ruoli delicati per l’esistenza degli altri loro simili nel rispettare la loro libertà e la loro coscienza.

Read Full Post »

Le elezioni regionali si avvicinano e allora:

Evviva il posto fisso (Tremonti, Berlusconi)

Aboliremo l’IRAP (Berlusconi)

A dicembre inizieremo il ponte sullo stretto (Berlusconi)

Scoperta su facebook di “Uccidiamo Berlusconi) (Vari, Maroni)

Scudo fiscale (Tremonti, Berlusconi e vari)

Read Full Post »

Ora di religione islamica si ora di religione islamica no.
Le motivazioni sia dei favorevoli che dei contrari si basano su assunti errati, gli ultimi senza dubbio con basi xenofobe e razziste.

La scuola dello stato deve essere laica e quindi nella scuola pubblica non ci devono essere ore di religione nemmeno quella cattolica.

Non per spirito anticlericale che pure esisterebbero le motivazioni visto l’ingerenza della Chiesa nella vita della Repubblica ma piuttosto per non creare barriere e motivazioni di esclusioni.

Oltre che comunicare la conoscenza la scuola ha anche il compito di insegnare la tolleranza e la cooperazione tra gli individui senza esclusioni di razza, sesso e religione.

Dice Amartya Sen “Aggiungere altre scuole confessionali [parla dell’idea “delle autorità del Regno Unito di procedere sulla decisione dell’estensione delle scuole confessionali finanziate dallo Stato”] finanziate dallo Stato –
scuole islamiche, scuole induistiche e scuole sikh oltre alle preesistenti scuole cristiane -, invece di ridurre quelle già esistenti, rischia di sminuire il ruolo della ragione, negando ai bambini l’opportunità di usarla e coltivarla. E questo avviene in un periodo in cui c’è una grande necessità di allargare gli orizzonti della compressione delle altre persone e degli altri gruppi, e in cui la capacità di prendere decisioni ragionate riveste una particolare importanza. Le limitazioni imposte ai bambini sono tanto più gravi in quanto le nuove scuole religiose offrono agli allievi scarse opportunità di coltivare l’uso della scelta ragionata per decidere delle priorità della loro esistenza. Questi istituti spesso non riescono a sensibilizzare gli studenti sulla necessità di decidere per conto proprio riguardo all’attenzione da dedicare alle varie componenti della loro identità (legate rispettivamente alla nazionalità, alla lingua, alla letteratura, alla religione, all’etnia, alla storia culturale, gli interessi scientifici ecc.) [.] L’importanza di un’istruzione scolastica non settaria e non confessionale, capace di espandere, invece di ridurre, la capacità di penetrazione della ragione (compresa l’analisi critica) è fondamentale. Come disse Shakespeare, «alcuni [la grandezza] la possiedono per nascita, altri la conquistano, altri ancora la ricevano in dono». I bambini, che hanno la vita davanti a loro, dalla scuola non devono «ricevere in dono» la piccolezza. C’è molto in gioco
” (Identità e violenza, Ed. Laterza, Bari 2006, p. 118-121).

Un libro da leggere. Quando lo lessi mi è piaciuto talmente da acquistarne una ventina di copie e di regalarle agli amici.
A proposito di laicismo: Stefano Rodotà, Perché laico, Ed. Laterza, Bari 2009

Read Full Post »

Older Posts »